lunedì 15 aprile 2013

Spaghetti con i "ficurilli"

Quando preparo questo piatto (una, massimo due volte all'anno) mi si crea regolarmente un dilemma che mi diverte abbastanza: devo svelare l'ingrediente principale prima dell'assaggio del commensale oppure no? 
Di solito l'ospite avvisato risponde con un "che idea del piffero, sarà sicuramente una schifezza, bleah, bleah!",  mentre quello ignaro di cosa si stia mangiando apprezza ma non c'è volta che indovini di che si tratta. 
In effetti può sembrare una stranezza ma da quando ero piccola, grazie a degli amici di famiglia che mi hanno insegnato questo segreto e tanti altri ancora, è diventato piatto tipico di casa mia. 
A volte mi scontro con gente che mi accusa di vero e proprio infanticidio perché oso cogliere piccoli fruttini innocenti che non diventeranno mai quei frutti maturi tanto buoni e tanto dolci. E con che gusto poi lo faccio!

Ok, stiamo parlando dei fichi acerbi del fico comune, quelli che si trovano ora (almeno dalle mie parti) e che quando ne stacchi uno dall'albero esce tutto il latte.
Inutile prenderli da una pianta che produce frutti di buona qualità, sarebbe uno spreco e chi già mi accusa di crimini terribili mi toglierebbe definitivamente il saluto. Meglio una pianta selvatica oppure un albero abbastanza grande da produrre tanti tanti fichi. Alcune varietà sono talmente buone che sarebbe veramente un peccato mortale! Il fico maturo è una delle cose più buone del mondo e guai a privarsene. E' vero che sono criminale, l'incubo del ficus carica, ma ho un codice d'onore quando colpisco...

Il sapore del fico acerbo, una volta cotto, si avvicina leggermente a quello della zucchina ma con un inconfondibile e leggero profumo che lo caratterizza. Vi è mai capitato di stare vicinissimo ad un albero di fichi e sentire quel tipico profumo dolciastro, quello dei profumi artigianali a base di foglie di fico per intenderci? Bene, è lo stesso ma non è aggressivo e per niente stucchevole. Insomma, va assaggiato.
La ricetta che vi propongo oggi è facile e collaudata ma, con un po' di fantasia, sono sicura che si possono fare tante altre cose. 



Spaghetti con i "ficurilli"

Cogliete dei fichi acerbi e sciacquateli abbondantemente. Tagliateli a fettine sottili e teneteli da parte. 
In una padella soffriggete del guanciale tagliato a cubetti e quando sarà dorato toglietelo dalla padella tenendo invece il grasso sciolto. Nel grasso del guanciale e, se necessario anche un po' di olio evo, fate soffriggere uno spicchio d'aglio e uno scalogno tagliato a julienne, aggiungete i fichi e cuocete a fiamma bassa fino a quando saranno cotti. La cottura è molto importante perché se non sono abbastanza cotti i fichi avranno un saporaccio. Se vi sembra il caso aggiungete un pò d'acqua.
A fine cottura unite il guanciale di prima e qualche foglia di maggiorana. Infine salate e pepate. 
Conditeci degli spaghetti cotti al dente e aggiungete un goccio di olio a crudo. 





Nelle bruttissime foto del cellulare che seguono, potete vedere la dimensione dei fichi che ho usato.


23 commenti:

  1. Ma dai! Proprio questa non la conoscevo e ora mi hai invogliata a provarli. devono essere sublimi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sapore è meno "strano"di quanto si possa immaginare. L'idea e carina e loro sono buoni.

      Elimina
  2. Ma che ricette interessante! Non avrei mai pensato di preparare un primo piatto con i fichi appena nati...altro che infanticidio, me lo mangerei molo volentieri :-P
    A presto
    Anna Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna Luisa, mi fai sentire un pò meno in colpa. :-)

      Elimina
  3. Ma io non li conosco!!! Dai questo ingrediente dove lo trovo, mi incuriosisce un sacco :-) Bacioni

    RispondiElimina
  4. Un piatto molto invitante e originale che non conoscevo!!! Grazie della ricetta!!! Un bacio e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te di essere passata. Buona giornata anche a te!

      Elimina
  5. non ho mai assaggiato i fichi acerbi, chissà che sapore hanno, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  6. mi hai incuriosito, non ho idea che sapore potrebbe avere ma dalla foto direi che è buonissimo ! Un bacione 1

    RispondiElimina
  7. O_o
    non ci credo che bellissima idea Alessandra! proprio sabato scorso guardavo un albero carico di fruttinoi e mi dissi: "ancoraaaa..." e invece :)
    grazie bedda
    Cla

    RispondiElimina
  8. Che si potessero cucinare i fichi acerbi non me lo sarei mai sognato! E la curiosità schizza alle stelle adesso. Il tuo piatto di apsta mi intriga assai :D! A caccia di alberi da "saccehggiare" adesso :))) Buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà quanti regali di madre natura sono a noi sconosciuti! E' bello condividere cose che non tutti conoscono.

      Elimina
  9. Mai mangiati, scopro ora l'esistenza e mi hai messo curiosità... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bello con i "ficurilli" è che sono sempre tutti curiosi. :-)

      Elimina
  10. ma che bella questa cosa!! Davvero non si finisce mai di imparare!! Grazie di averla condivisa, appena avrò l'occasione di cogliere i fichi acerbi lo farò, pensandoti....

    E ancora complimenti, sei bravissima.

    Giuli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giuliana, detto da te fa ancora più piacere. tu sei bravissima!

      Elimina
  11. SEMBRA VERAMENTE BUONO, VEDENDO LE FOTO QUASI SENTO IL PROFUMO, provero' un po' mi spaventa perché assaggiando il latte sembra un po' amaro, non esce quell'amaro una volta cotti vero?

    RispondiElimina

Il tuo parere m'interessa!
Se non sei un utente registrato ricordati di firmare.